Venerdì 17 Settembre 2021
   
Text Size

L'inchiesta. Rutigliano: i rifiuti tossici nascosti nelle nostre campagne

 

Un gesto eclatante che potrebbe svelare scenari clamorosi e inattesi. Voleva essere arrestato per poter denunciare rifiuti pericolosi nascosti nella discarica di Martucci. Domenico Lestingi, storico dipendente della Lombardi Ecologia è stato arrestato ieri, mercoledì 28 marzo, dai Carabinieri della locale Stazione di Conversano con l'accusa di furto, danneggiamento e resistenza a pubblico ufficiale.

Lestingi - già salito agli onori della cronaca per essersi arrampicato su una torre-faro del terzo lotto, minacciando di togliersi la vita - ha sottratto un escavatore della ditta e ha iniziato a scavare in un fondo a circa un chilometro dalla discarica di contrada Martucci. E' la discarica finiscono i nostri rifiuti solidi urbani, quelli dei comuni del bacino AtoBa5, compresi quelli prodotti dal nostro comune di Rutigliano. La discarica è ai confini, nelle campagne tra Polignano, Conversano e Mola.

L'intenzione era dimostrare uno smaltimento abusivo di rifiuti molto pericolosi, una prassi che non riguarderebbe solo quell'appezzamento ma interesserebbe altri lotti limitrofi. Lestingi avrebbe scavato facendo emergere questi rifiuti dal sottosuolo. Avrebbe agito così per attirare l'attenzione dei carabinieri e consentire che le Autorità avviassero le indagini. La magistratura potrebbe avviare le indagini nelle prossime ore, su disposizione dell'Arpa e su sollecito dell'assessore regionale Nicastro, da poco intervenuto sulla vicenda.

Appena notati i militari, Lestingi si è dato alla fuga abbattendo un cancello e cercando di dileguarsi attraverso le strade interpoderali. Per non essere raggiunto, inoltre, l'uomo ha posizionato al centro della carreggiata alcuni grossi massi, “prelevati con ausilio del mezzo meccanico da un muretto”.

Il tentativo è stato vano: un'altra pattuglia dei Carabinieri interveniva dall'opposta direzione, bloccava il cingolato e arrestava Lestingi che, su disposizione della Procura della Repubblica di Bari, è ora sottoposto ai domiciliari.

La vicenda dei presunti rifiuti pericolosi, che sarebbero stati nascosti nelle nostre campagne negli anni scorsi, è ora al vaglio delle autorità competenti, della Provincia e dell’Arpa. Appena la notizia è stata diffusa dai siti online, compresi i nostri del network “La Voce del Paese”  sono partite anche le denuncie in merito a presunti attacchi hacker. “Una strana coincidenza – scrive l’Assostampa pugliese – getta una luce inquietante sulla vicenda. Se Se fosse accertato il nesso con la pubblicazione della notizia sullo smaltimento dei rifiuti, rappresenterebbe anche una grave intimidazione nei confronti dei giornalisti".

LE PRIME DICHIARAZIONI DEL SINDACO DI CONVERSANO LOVASCIO

"Abbiamo inviato una nota a Regione, Provincia, Arpa e Comune di Mola e, per conoscenza, alla Procura di Bari e al Corpo Forestale di Monopoli. Nel documento rendicontiamo quanto accaduto e verificato dal Responsabile del Servizio Ambiente, ing. Francesco Longo, durante il sopralluogo eseguito ieri mattina insieme agli agenti della Polizia Municipale. Il fondo non rientra nel nostro territorio ma stiamo facendo tutto il possibile affinché i controlli vengano effettuati e si accertino le eventuali responsabilità". Questa la dichiarazione rilasciataci in mattina dal Sindaco Giuseppe Lovascio.

Nella comunicazione si riferisce che è stato possibile costatare che la recinzione dell'area era divelta e sull'asfalto erano evidenti i segni del passaggio del mezzo cingolato, tracce che continuavano anche all'interno del campo. Infine, lungo il ciglio della strada erano presenti rifiuti speciali di natura prevalentemente agricola.

Presto nuovi ed inquietanti retroscena!

Commenti  

 
#3 pilato 2012-03-30 08:17
Se ricordo bene, la discarica di Martucci ricade nel territorio di Conversano, alla luce di quello che si sente, sarebbe il caso che il primo cittadino dello stesso comune unitamente ai suoi colleghi del circondario, ponga in essere tutti i provvedimenti consequenziali. Sono loro i primi responsabili del territorio.
 
 
#2 333 2012-03-29 18:58
si paga tutto pure la cartaigenica sporca
 
 
#1 No Rifiuti Tossici 2012-03-29 15:42


segnalate discariche abusive e rifiuti tossici, ingombranti... abbandonati illecitamente nelle nostre campagne
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI