Domenica 19 Settembre 2021
   
Text Size

Albero abbattuto da un fulmine, via Mola bloccata

DSC_3331

 

Il fenomeno “Bombe d’acqua” sembra essere entrato ufficialmente nella cultura e nelle vite dei rutiglianesi. L’incontrollabile ed inarrestabile manifestazione climatica sembra essere diventata una questione abitudinaria per i residenti dell’area sud-est barese. Il 6 novembre una nuova fortissima perturbazione è tornata a colpire la zona barese con intensi rovesci accompagnati da violente scariche temporalesche.

Il “Servizio di Protezione Civile” della regione Puglia aveva già allertato i comuni interessati indicendo  lo stato di “preallerta idrogeologica/idraulica”. Il “Servizio di Protezione Civile” della Regione Puglia ci informa che la perturbazione potrebbe insediarsi sulla nostra zona per le 24-36 ore successive dall’ insediamento (previsto ed avvenuto la mattina del 6 novembre).

  Precipitazioni sparse e moderate hanno accompagnato tutta la  giornata del 6 novembre, così come previsto dall’avvertenza regionale, lo zenit è però stato raggiunto a partire dalle ore 20.30 quando l’incubo della “Bomba d’acqua” è tornato ad impensierire i cittadini.

A partire dalle 20.30 il cielo minaccioso su Rutigliano ha riversato su tutto il paese la furia della natura che tra copiose piogge, accecanti lampi e spaventosi tuoni ha impensierito la cittadinanza. Le precipitazioni sono cessate alle ore 21.00 circa.

  Tra i danni causati da questo nuovo episodio di maltempo si contano numerose strade inondate colme di acqua, detriti e fango, tombini esondanti di acqua putrida. Via S.Marino, al centro di polemiche riguardanti la poca resistenza della strada all’esposizione di grandi quantità d’acqua è stata immediatamente messa in sicurezza dalla Protezione Civile di Rutigliano che hanno provveduto a bloccarne la viabilità con transenne. Il danno maggiore è stato avvertito in via Mola un enorme albero è stato abbattuto, probabilmente da un fulmine, ostruendo perpendicolarmente la strada rutiglianese. l’albero, di una dimensione approssimativa di tre metri, ne cadere ha tranciato un cavo della conduzione elettrica costituendo un mortale pericolo data l’enorme quantità d’acqua presente sull’asfalto in quel punto. Dopo un tempestivo avviso da parte dei residenti della medesima strada, i temerari Vigili Urbani hanno provveduto a bloccare la viabilità di via Mola, impedendo così gli automobilisti di incorrere in incidenti, data l’assente visibilità dato il blocco della conduzione elettrica. I due agenti della Polizia Municipale hanno allertato il corpo dei Vigili del Fuoco, gli unici addetti ad utilizzare le strumentazioni adatte alla rimozione dell’ albero.

  La furia delle avverse condizioni meteorologiche è pressoché incontrollabile. Si può solamente cercare di essere il più prudenti e previdenti possibile evitando situazioni che potrebbero mettere a rischio la propria incolumità e quella dei propri cari.

Commenti  

 
#1 juccio 2014-11-12 15:16
brave le due vigilesse, menomale che non hanno preso nulla come insegnagnamento dai loro colleghi e soprattutto dal loro respondabile........
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI