Domenica 19 Settembre 2021
   
Text Size

MUSICA BAROCCA CON LA STOCKOLM NEW BAROQUE

46
Per “E...state Rutiglianese 2010”, è in programma Giovedì 19 Agosto alle ore 21 nel Santuario di Gesù Bambino di Praga al Carmine a Rutigliano (Corso Garibaldi, con ingresso libero), il concerto “Capriccio Stravagante” dell’ensemble italo-svedese “Stockolm New Baroque”.

Il concerto propone un suggestivo viaggio musicale nel Seicento italiano.

Il gruppo orchestrale, in questo periodo in tournée in Italia, è guidato dal musicista rutiglianese Antonio Giummarella, da alcuni anni residente in Svezia e ormai affermato artista internazionale con una intensa attività concertistica; con Giummarella (flauto dolce), suoneranno Catalina Langborn (violino barocco), Johannes Jakobsson (violino barocco), Andrea Ravandoni (viola barocca), Magnus Malmros (violoncello barocco) e Mayumi Kamata (clavicembalo ed organo).
Il termine musica barocca indica una categorizzazione della musica composta nel XVII secolo e nella prima metà del XVIII secolo, che la fa corrispondere alla diffusione del barocco nell'arte. L'utilizzo del termine barocco in campo musicale è piuttosto recente, ed è fatto risalire ad una pubblicazione del musicologo Curt Sachs del 1919. Secondo gli studi di Sachs, la produzione musicale dei primi decenni del XVII secolo mostra, in tutte le nazioni d'Europa anche se in forme diverse, la comparsa di generi e caratteri stilistici tipicamente "barocchi": come le altre forme d'arte del periodo la musica barocca pare votata al desiderio di stupire e divertire l'ascoltatore.

Questo genere si sviluppa a fianco di composizioni che ancora rientrano completamente nell'orizzonte stilistico tardo-rinascimentale - a volte i due stili coesistono nell'ambito della produzione dello stesso compositore - pertanto non è possibile stabilire una data precisa di inizio del periodo barocco in musica così come, con analoghe considerazioni, non si può stabilire una data per la sua conclusione.

Il concetto di musica barocca è generalmente accettato ed utilizzato, ma rimane controverso: molti musicologi, fra cui Manfred Bukofzer nel saggio The music in the baroque era (1947), contestano questa definizione sostenendo, non senza buoni argomenti, che sia illogico unire sotto un'unica etichetta un secolo e mezzo di produzione ed evoluzione musicale che ha fatto della varietà e della differenza il proprio programma estetico.
Caratteristiche

Così come le altre forme d'arte del periodo, la musica barocca era votata al desiderio di stupire e divertire l'ascoltatore: cambi repentini di tempo, passaggi di grande virtuosismo strumentale o vocale e l'uso del contrappunto e della fuga, sono gli elementi che più caratterizzano la produzione musicale di questo periodo, insieme ad uno sviluppato senso dell'improvvisazione.

Commenti  

 
#10 Gianni Nicastro 2010-08-20 22:10
Ai lettori e commentatori di rutiglianoweb

La sezione "commenti" ha un piccolo problema: sembra che il commento non finisca mai di essere caricato, in realta viene caricato con un solo clic.

Cliccate, dunque, solo una volta su "aggiungi commento" e passate ad altra pagina. A ogni clic in più lo stesso commento viene di nuovo registrato, questo fatto sta creando un problema di intasamento della sezione "commanti" dell'amministrazione del sito.

Stiamo cercando di risolvere il problema.

P.s.
Se un commento non appare vuol dire che non è stato approvato.
 
 
#9 un musicista di Bari 2010-08-20 20:00
Di questi concerti se ne vedono ben pochi BRAVISSIMI TUTTI e chi l'ha organizzato.E ' stato un vero successo per il vostro paese .
 
 
#8 olga 2010-08-20 13:17
NON IMMAGINAVO CHE LA MUSICA é ANCHE MAGIA.iL CONCERTO DI IERI SERA LO E' STATO PER ME.BRAVI TUTTI MA SOPRATTUTTO AL NOSTRO MUSICISTA CHE CON LA SUA IMPECCABILE PERFORMANCE HA SEGNATO UNA PAGINA DI VERA CULTURA ALLA NOSTRA CITTA' ATTIRANDO MOLTA GENTE DI FUORI CHE E' RIMASTA ALLIBITA DALLA BELLEZZA DI QUESTO CONCERTONE.MI CONGRATULO.
 
 
#7 olga 2010-08-20 12:49
Un concerto che non dimentichero' mai .Bravi tutti ,ma soprattutto il nostro musicista che con con la sua esibizione impeccabile ha dato al nostro paese un' importanza culturale,attirando molta gente di fuori che ho notato rimanere allibita dalla bellezza di questo CONCERTONE.Una nota negativa; il luogo



il luogo.
 
 
#6 ciani 2010-08-20 01:08
ho assistito al concerto e vi devo dire che e' stato un evento per il nostro paese.Sia per il contesto in cui si e' svolto e sia per il livello dei musicisti che hanno eseguito musica del 600 con una professionalita' invidiabile. Bravo Giummarella, brava la musicista al basso continuo e bravi tutti gli altri che evidentemente non erano abituati alle temperature dell'Italia meridionale dato il quantitativo industriale di sudore lasciato qui.
 
 
#5 a.d. 2010-08-19 23:05
soprattutto a partire dal ns. paese! non conosco questo giovane musicista ma gli faccio un grosso in bocca al lupo!
 
 
#4 un amante della musica 2010-08-18 16:54
Ho conosciuto questo giovane quando da ragazzo mi colpi' suonando col flauto Il PASTORE SVIZZERO.Bravo Antonio sono felice per te e per la strada che stai percorrendo.Verro' ad apprezzare la tua musica ed invito altri a farlo perchè i nostri talenti vanno valorizzati anche anche nel proprio paese
 
 
#3 ciani 2010-08-18 00:45
olga pensa di aver a che fare con i vecchi cantautori "impegnati" , e' musica classica cara e abbiamo un artista del nostro paese che ritorna ad esibirsi nella citta' natia, sperando solo che almeno lui fosse profeta in patria....
 
 
#2 raus 2010-08-18 00:25
Citazione:
Finalmente una musica impegnata
impegnata?
 
 
#1 olga 2010-08-17 21:49
Finalmente una musica impegnata a Rutigliano.Vorrei tanto che tanti giovani come me la sappiano apprezzare perchè merita e complimenti a questo giovane rutiglianese che non conosco Che ha avuto questo coraggio. Ci saro perche vorrei conoscerlo.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI