Venerdì 03 Dicembre 2021
   
Text Size

Antonella Lattanzio al Liceo Scientifico L. Alpi di Rutigliano

2014-01-24 17.31.00

 

Si legge sempre meno. Ce lo dicono a scuola, lo sentiamo in tv. Stando al parere degli esperti, il mondo delle nuove generazioni, fatto di ormai di sola tecnologia, sembra essere un universo parallelo a quello della lettura, il libro non attrae più, tanto c’è internet, la televisione. Al Liceo Scientifico L. Alpi di Rutigliano, con il progetto “A scuola con l’autore e con il libro”, la Professoressa Filomena Gagliardi insieme ai suoi studenti sembra andare controcorrente: qui si legge, si interpretano i libri, si recitano i brani, si cercano connessioni visive e musicali e, infine, si invitano gli autori; peculiarità di questi incontri è che lo scrittore diviene uno spettatore, mentre dall’altra parte della cattedra, per questa volta, ci sono gli alunni, i loro pensieri, le loro voci: sono loro i veri protagonisti. Uno di questi incontri si è tenuto il 20 gennaio alle 15.30, ospiti l’autrice barese Antonella Lattanzi e il suo secondo libro Prima che tu mi tradisca. Presente anche Massimo Guastella del Laboratorio Urbano di Noicattaro. Dopo una breve introduzione di ringraziamento della Preside, Prof.ssa Angela Borrelli, della Prof.ssa Gagliardi e dell’autrice, è il turno dei ragazzi della 4a D. Viene presentato un video con diversi brani musicali, rappresentanti diverse parti del libro, ne vengono letti alcuni brani: il bombardamento su Bari del 1943, vari riferimenti al Teatro Petruzzelli, monologhi o parti dialogate tra le due protagoniste, sorelle diverse e in conflitto perenne. Spiega l’autrice, che l’evento del 1943 costituisce un duro tradimento della storia per il padre delle protagoniste e per chi l’ha vissuto; esso si è trasmesso alle generazioni successive, che dunque non possono fare altro che tradirsi. Consapevoli di questo, i personaggi del romanzo cercano di affrancarsene, tradendo prima di essere traditi, e da qui il titolo. Altra grande protagonista, insieme alla storia, è la città di Bari, immensa, a volte irriconoscibile, tant’è che nel romanzo i protagonisti si perdono, pur conoscendola da sempre. Ad assistere erano presenti anche alcuni responsabili della Casa Editrice Einaudi, interessati all’attività e desiderosi di poter sostenere l’iniziativa. A questo incontro ne seguiranno altri per tutto l’anno scolastico, coinvolgendo mano a mano gli alunni di tutte le classi. La partecipazione è aperta a tutti e, personalmente, vivamente consigliata.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI