Lunedì 27 Settembre 2021
   
Text Size

Parte Sound Project Contest. Prima edizione

Rutigliano- Sound Project

Articolo pubblicato su “La Voce del Paese” in edicola la settimana scorsa

La Pro Loco di Rutigliano amplifica la voce dei musicisti locali. Il 12 luglio la prima serata

 

In un’era musicale gestita interamente dalla lobby discografica e dal monopolio radiofonico, è sempre più difficile dare spazio alle giovani voci emergenti, soffocate dai brutali giganti della musica. È infatti noto come nei locali del sud est barese si preferisca ingaggiare cover band o tributi di più nominati e gettonati artisti che, emulando i grandi, portano un introito sicuro al locale. Una realtà che, purtroppo, taglia fuori i futuri fiori dell’underground locale, sradicandoli in partenza.

  Per fronteggiare questa disfunzione l’associazione Pro loco, che da sempre si attiva per la valorizzazione del territorio, ha dato vita alla prima edizione del Sound Project Contest.

  A creare il concorso musicale sono state proprio le giovani leve dell’associazione rutiglianese: Francesco Sorino, Nicola Difino, Antonio Lapenna e Nunzio Dell’Erba.

  Il concorso partirà il 12 luglio e vedrà competere sei progetti musicali per raggiungere l’ambita finale del 26 luglio in Piazza Colamussi.

  L’organizzazione della prima edizione del Sound Project Contest è stata possibile grazie alla collaborazione dell’Agnzia Publi Event e al Patrocinio del Comune di Rutigliano.

 

  È il primo contest musicale organizzato dalla Pro Loco?

La nostra associazione ha già realizzato nel 2001 un concorso rivolto ad artisti emergenti. Noi abbiamo quindi rilanciato l’idea cercando di coinvolgere tutti i gruppi che nel frattempo si sono avvicinati al contest. Nasce così il Sound Project Contest. Tre serate: la prima il 12 luglio, la seconda il 19 luglio e la finalissima in 26. Abbiamo scelto punti strategici, in cui è già vivo in partenza l’afflusso di potenziale pubblico, parliamo di Largo Domenico Mazzone (su Corso Cairoli), Largo Pineta e Piazza Colamussi per la serata finale.

 

  A chi è aperto il Concorso?

Il Contest è aperto ad artisti della Provincia barese con musica inedita, solisti o band senza distinzione. Artisti che non siano vincolati da contratti discografici o registrati in SIAE. Le band che potranno partecipare sono in tutto sei. Tre per ogni serata. Abbiamo già fatta una selezione che verrà comunicata nella prossima sttimana.

 

  Quali sono i criteri di selezione dell’artista?

L’originalità del brano, la qualità della registrazione del brano inviato, originalità del progetto descritto nella mail di iscrizione. Una ulteriore selezione è stata attuata valutando l’eterogeneità dell’evento. Abbiamo cercato di ottenere uno show più vario possibile andando incontro ai diversi gusti del pubblico. Le band selezionate riceveranno una mail di conferma oltre alla pubblicazione sulla pagina Facebook del Sound Project Contest della lista dei vincitori del bando.

 

  I premi?

Il primo premio consiste nella registrazione di tre brandi presso uno studio di registrazione rutiglianese. Il secondo, la realizzazione di un book fotografico sempre presso uno studio del territorio. Esiste, inoltre, il premio della critica, attribuito al progetto più meritevole da uno dei media Partner: il programma radio Indiepercui. I vincitori di ogni serata verranno decretati dal voto congiunto di giuria tecnica e pubblico (70-30%). Cosa che non varrà per la finale, giudicata interamente dal gruppo di tecnici.

 

  La giuria tecnica della finalissima da chi verrà composta?

Tra i tecnici siederanno i componenti del gruppo “U Papun”, già ospiti a Rutigliano, esperti di notevole fama. Affiancheranno il gruppo barese, un’equipe di professionisti esperti nel settore musicale e discografico: un maestro del Nuovo Piccolo Conservatorio, un professore della Music Accademy di Bari e i direttori artistici dell’Extrablatt Cafè.

 

  Qual è l’intento del contest?

L’obiettivo principale è quello di dare spazio alla realtà underground della musica indipendente locale. È molto importante dare questo segnale in una situazione non proprio rosea quale il panorama musicale italiano. Un altro scopo è quello di portare la musica locale in tutti i punti di Rutigliano. Dare vita ad un vero e proprio Festival Itinerante. Non ghettizzarci all’interno di determinati ambienti ma farla circolare per tutto il paese. abbiamo voglia di ridare forza ad una voce che a Rutigliano c’è ed è forte.

 

Gianluca Giugno

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI