Lunedì 27 Settembre 2021
   
Text Size

Giacomo Troiani è il nuovo presidente della Pro Loco di Rutigliano

Giacomo Troiani, neo presidente della Pro Loco di Rutigliano


Il neo presidente traccia le linea guida dei prossimi obiettivi. In associazione anche le nuove leve, per promuovere il paese e lavorare sul turismo

 

Cambio della guardia ai vertici di una delle associazioni più attive sul territorio rutiglianese negli ultimi tempi: la Pro Loco negli scorsi giorni si è riunita per il rinnovo delle cariche, eleggendo Consiglio di Amministrazione e presidente nuovi. A prendere il testimone lasciato da Giuliana D'Alba è Giacomo Troiani, presente da quasi un ventennio all'interno dell'associazione, sia a livello locale sia a livello più ampio. Ma quali sono le prospettive della nuova dirigenza della Pro Loco? Ne abbiamo parlato proprio con il presidente, a cui abbiamo rivolto qualche domanda.

Ti aspettavi di essere eletto?
"Un paio di mesi fa ho compiuto 17 anni di Pro Loco, dopo pochi mesi, grazie alla caparbietà di Nicola Poli e Angelo Radogna, diventavo presidente di Pro Loco, ricoprendo il ruolo fino all’elezione a Presidente Provinciale delle Pro Loco e per ulteriori 10 anni. Sono sempre rimasto in Associazione e, con gli amici di sempre, abbiamo portato la nostra ad essere una tra le più importanti compagini associative di Puglia. In quest’ultimo periodo molti Soci dell’Associazione, vecchi e nuovi, hanno lavorato affinché ritornassi a ricoprire il ruolo di Presidente. La stessa Presidente uscente, Giuliana D’Alba, nell’ultimo anno mi ha delegato quasi in tutte le attività, concedendomi piena fiducia e raggiungendo in poco tempo, insieme, obiettivi inaspettati. Quindi, posso affermare che mi aspettavo sicuramente l’elezione".

Hai un programma per le attività future della pro loco?
"Non ho un mio programma perché, come previsto dallo statuto, continuerò con la programmazione approvata in Assemblea dei soci Pro Loco lo scorso mese di novembre. Una programmazione voluta da tutti i Soci e quindi del tutto condivisa dal sottoscritto".

Esperienze passate: cambio di direzione oppure vuoi proseguire su questa strada?
"La nostra non è solo un’Associazione, la nostra è una grande famiglia con cui spesso condividiamo onori ed oneri. Le nuove leve, circa venti nuovi soci nell’ultimo anno, hanno ben inteso il nostro modo di essere associazione, rispettando regole dettate dallo Statuto e arricchendolo con la passione e rispetto per il proprio territorio e gli altri Soci. Come ho già detto, il mio mandato è nel segno della continuità e piena condivisione del lavoro svolto fin ora dal precedente Direttivo. Collaborazione continua con tutte le realtà associative ed Enti che vorranno coinvolgerci, o vorranno collaborare nelle nostre iniziative, gestione dell’Info Point, visite guidate, collaborazione continua con l’Amministrazione comunale. Il tutto per contribuire a migliorare la vivibilità del nostro comune, promuovere e valorizzare il territorio".

Quali sono gli indirizzi che intendi seguire per la promozione e la valorizzazione del paese?
"Con il precedente direttivo e Assemblea dei Soci, abbiamo dettato i tempi e modi per aumentare la presenza turistica nel nostro territorio. Investendo sulla creazione di percorsi turistici. Crediamo importante lavorare sulla comunicazione, il coinvolgimento delle scuole, delle associazioni, i privati e le attività commerciali locali, sfruttare al meglio la rete delle Pro Loco. Migliorare la presenza sul web, con un nuovo sito internet, pagine facebook e pubblicazioni cartacee mirate. Rafforzare le collaborazioni con GAL, SAC, Puglia Promozione, UNPLI, con tutti gli Enti che vorranno condividere percorsi di crescita con noi".

Cosa serve, secondo te, a questo paese a livello turistico-culturale?
"Io credo che Rutigliano negli ultimi mesi stia vivendo un periodo rigoglioso in campo turistico e soprattutto culturale. Forse manca la volontà di alcuni nostri cittadini di accettare il cambiamento in atto, il forte movimento culturale che contraddistingue il nostro paese da quelli viciniori. Ogni mese, settimana, ci sono appuntamenti culturali, approfondimenti, musica, teatro, presentazione di libri. Personaggi di rilievo che attraversano le nostre strade e si innamorano dei nostri beni artistici ed architettonici. Non voglio adulare nessuno, ma non ricordo un periodo più rigoglioso e vivo, dal punto di vista culturale, in tutte le amministrazioni precedenti. L’attuale Amministrazione sta svolgendo un lavoro esemplare, investendo sul territorio per il territorio. Forse, serve solo più fiducia da parte dei nostri concittadini, un maggiore coinvolgimento degli stessi; noi per primi, come associazione, rimaniamo delusi quando organizziamo eventi, riempiamo piazze e sale, ma tra gli spettatori o visitatori riscontriamo una partecipazione limitata di rutiglianesi".

Professionalità e volontariato: secondo te sono due facce della stessa medaglia?
"Chi pensa che tra i volontari non vi sia professionalità sbaglia. La nostra Associazione ne è la prova: grazie alle professionalità dei singoli, riusciamo a raggiungere obiettivi prestigiosi. Basti pensare al nostro mensile, nato per caso nello scorso mese di agosto, realizzato con professionalità e competenza. Le visite guidate svolte dalle nostre Guide Turistiche e Guide Narranti. La professionalità di ragazze che ci permettono di sottoscrivere convenzioni anche con l’Università per lo svolgimento di tirocini presso la nostra sede (attualmente in atto uno e di prossima attivazione un secondo tirocinio). Pensate a chi si occupa della grafica dei manifesti, della realizzazione dei percorsi turistici, degli esperti in lingua straniera, della comunicazione. La nostra Associazione, per mia fortuna ma anche fortuna del territorio, è fornita di grandi professionalità".

Cosa pensi del mondo associativo rutiglianese?
"Beh, anche qui non posso che esaltare la vivacità che contraddistingue il nostro comune da tutti gli altri, molte associazioni attive in più settori ognuno con la propria competenza. Il livello culturale e la vivibilità del nostro comune è soprattutto merito loro. Immaginate una Rutigliano senza Pro Loco, Via Crucis, Associazione Crocifisso, Porta Nuova, Prato Fiorito, ANT, LUTE e tante altre. Alcune di queste Associazioni riescono anche a dialogare e lavorare insieme, raggiungendo obiettivi altrimenti irraggiungibili. Abbiamo constatato di persona che la collaborazione e l’interazione con le altre realtà associative porta al raggiungimento degli obiettivi con un risparmio notevole di risorse finanziarie e umane. Auspico che in futuro si rafforzi la rete delle associazioni rutiglianesi e che lavorino insieme per il bene e la crescita della nostra Rutigliano. Volevo concludere ringraziando la testata giornalistica per queste domande e il tempo dedicatomi, ringraziare di cuore i Soci della Pro Loco di Rutigliano per la fiducia accordatami, l’Amministrazione comunale tutta. Ed in ultimo, un invito ai concittadini ad avvicinarsi alla nostra associazione, aperta a tutti e per tutti, senza alcuna distinzione e preclusione".

DOMENICA REDAVID

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI