Venerdì 17 Settembre 2021
   
Text Size

PER UN PAESE SOLIDALE:CHIESA ITALIANA E MEZZOGIORNO

cei1

“A vent’anni dalla pubblicazione del documento “Sviluppo nella Solidarietà. Chiesa italiana e Mezzogiorno”, vogliamo riprendere la riflessione sul cammino della solidarietà nel nostro Paese, con particolare attenzione al Meridione d’Italia e ai suoi problemi irrisolti, riproponendoli all’attenzione della comunità ecclesiale nazionale, nella convinzione “degli ineludibili doveri della solidarietà sociale e della comunione ecclesiale…alla luce dell’insegnamento del Vangelo e con spirito costruttivo di speranza.”.

Così comincia il documento della C.E.I  “Per un Paese solidale. Chiesa italiana e Mezzogiorno” ( Paoline editoriale Libri ), datato 21 febbraio 2010. La presentazione nel corso di due incontri, organizzati dalla Diocesi di Conversano-Monopoli nei giorni 13 e 14 maggio, relatore don Rocco D’Ambrosio, docente all’Università Gregoriana e alla Facoltà Teologica Pugliese.

Il primo appuntamento sul tema “ Il documento sul sud, un cammino di solidarietà e profezia per la comunità cristiana”, si terrà alle ore 18.30 nell’Auditorium della Parrocchia S. Filippo Neri di Putignano e si rivolgerà ai laici impegnati nella vita sociale, culturale, politica…

Il secondo, il giorno successivo, indirizzato ai presbiteri, diaconi e religiosi, sul tema “Il documento sul sud, quale responsabilità per i pastori?”, si svolgerà alle 9.30 nell’Oasi S.Cuore- S. Maria dell’Isola di Conversano.

La Diocesi di Conversano-Monopoli”, afferma don Felice Di Palma, Vicario Zonale di Rutigliano, organizza questo incontro per presentare l’importante documento della Chiesa italiana ma desidera che i laici prendano coscienza del loro importante ruolo nella società”.

Il documento si sofferma sulla criminalità organizzata, “cancro e struttura del peccato”, sulla non adeguatezza  delle attuali classi dirigenti ( di cui si auspica il rinnovamento), sulla disoccupazione, sul lavoro nero, sull’emigrazione dei giovani, sull’omertà  e sull’emergenza ecologica.

“Alcuni temi devono diventare punto di riferimento per una reale crescita del Mezzogiorno”; continua don Felice, l’affermazione della legalità non deve essere solo affermazione di un principio ma deve diventare una prassi educativa che deve coinvolgere l’intera comunità nazionale. Il lavoro che scarseggia soprattutto nel meridione deve farci prendere coscienza delle grandi risorse sia umane che naturali presenti sul territorio del Mezzogiorno e che hanno bisogno di essere valorizzate attraversi progetti più puntuali e in sintonia con lo sviluppo mirato ed equilibrato del Sud.

La Chiesa può offrire un grande contributo per la crescita dell’intero Mezzogiorno, conclude l’arciprete, sia attraverso l’impegno di formazione e sia rilanciando il progetto “Policoro”, che vuole promuovere in modo particolare l’imprenditorialità dei giovani nel Mezzogiorno”. E sono proprio i giovani, speranza della Chiesa e riscatto del Sud, i veri protagonisti del documento dei Vescovi italiani.

“ I due incontri”, sottolinea il Vescovo S.E. mons. Domenico Padovano, “sono un invito a guardare con amore al Mezzogiorno, ad osare il coraggio della speranza e nello stesso tempo sono un’occasione per interrogarci sulla missione della nostra Chiesa e per riflettere su emergenze vecchie e nuove”.

 

cei2

Commenti  

 
#1 M. 2010-05-12 17:31
Se la chiesa vuol fare qualcosa di buono per il sud deve davvero smetteral con: chiusura, grettezza, bigottismo.
aprendosi al diverso e alla novità.
eccp cosa deve fare.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI