Venerdì 24 Settembre 2021
   
Text Size

IO SUD, SI RIPARTE DAL DIALOGO CON GLI ELETTORI

polizzi

Santeramo: è stato il battesimo di fuoco in tutti i sensi per il movimento di Adriana Poli Bortone IO SUD. La calura tardo pomeridiana di venerdì 23 luglio non ha fermato gli attivisti del partito. Mancava, occupata in impegni istituzionali, proprio la senatrice e fondatrice del partito Adriana Poli Bortone.

Il dibattito è stato moderato da Anna Larato, che ha introdotto gli ospiti. Prima di in iziare i lavori, tutti hanno ricordato la figura di Pinuccio Tatarella, conoscenza comune a coloro che successivamente hanno preso la parola. Tutti ricordano Tatarella come esempio e precursore di idee che si stanno dimostrando attuali. Tra questi, Vito Antonicelli, coordinatore provinciale di IO SUD. Il suo partito è impegnato nell’affrontare di rettamente le problematiche sul territorio. Poli Bortone ha creato il movimento in seguito alla sua fuoriuscita dall’allora costituendo PDL. È la storia comune di molti che adesso condividono le sorti del partito con il cuore. La radice comune è la destra, ovvero militanza nel MSI e successivo impegno con AN dopo la svolta di Fiuggi del 1995. Antonicelli ha detto che il Meridione deve prendere coscienza delle proprie forze e dare il colpo di reni per uscire dalla palude, nella quale le strategie politiche del governo nazionale l’hanno spinto.

Francesco Grisafi è il responsabile network IO SUD. Anche lui con un passato in AN, sicuramente il più giovane tra gli ospiti sul palco. Il compito di Grisafi è stato d’illustrare il lato economico delle iniziative della senatrice Poli Bortone nel campo dell’agricoltura, al tempo del suo mandato come ministro, e anche nell’attualità come membro della camera alta. Un esempio è stato l’emendamento che avrebbe dovuto favorire gli agricoltori meridionali in debito con l’INPS per il pagamento dei contributi. L’emendamento è stato rigettato dalla maggioranza.

Tutto il partito si dice amareggiato dal comportamento del PDL, sempre più sotto il giogo della Lega Nord, che ha nelle proprie fila deputati e senatori che fanno il loro mestiere in maniera più organizzate rispetto ai rappresentanti di altri partiti. La politica economica sta d i fatto fomentando la secessione, dirottando e distraendo i fondi che la comunità europea mette a disposizione per le aree sottosviluppate. Un motivo per cui nel Mezzogiorno mancano le infrastrutture. Il network per tanto si rende necessario per eliminare le barriere ideologiche nate con gli anni di militanza. L’incontro di stasera è servito per tracciare le linee guida di IO SUD.

Il coordinatore regionale del partito S. Polizzi ha spronato i presenti, invitandoli a prendere coscienza di quanto accade nella realtà e, per farlo, occorre affrontare un percorso che, se fatto per bene, potrà portare buoni risultati, anche in vista delle amministrative del 2012.

Commenti  

 
#10 Giacomo 2010-08-08 13:53
Vito Antonicelli e' un trasformista tanto quanto il bravissimo Arturo Brachetti. Io Sud nasce con soggetti politicamente gia' morti. Come e' possibile nominare a capo di un coordinamento provinciale un soggetto che e ' alla continua ricerca di visibilta' politica? Oggi si riscopre difensore di temi cari al ns. Mezzogiorno ma quando ha amministrato erano le sue stelle polari? Credo proprio di no. Forse e' giunta l'ora di mettersi da parte, non solo a parole, e dimostrare a Tutti che c'e un tempo definito per vivere una Passione Politica con la P maiuscola.:-)
 
 
#9 vito florio 2010-08-04 19:42
Caro Antonicelli Vito la politica è impegno, coerenza e passione.
Lei era un democristiano poi si è trasferito al centro, dopo ha esordito nel centro sinistra, adesso fa parte di un movimento di destra. Ma cosa vuol fare? Forse non va d'accordo con nessuno oppure cerca qualcuno che porta un vento di maestrale a favore dei suoi interessi!!!!!!!!
 
 
#8 vitobastiano 2010-08-04 18:55
L'Ing. ANTONICELLi cordinatore di IO SUD!!!!
Bene, vuol dire che non voterò più IO SUD. E' la rovina della politica rutiglianese.
 
 
#7 marco81 2010-07-30 19:54
Ma quanti partiti ha cambiato l'ing. Vito Antonicelli???
***
 
 
#6 ciani 2010-07-30 01:58
e questo cuore di leone dove abita? se tu fossi piu scaltro e intelligente perche non cominci tu un corso nuovo per il tuo paese? cosi quando le cose volgeranno al meglio per tutta la comunita' prendi quelli che fanno l'uva e li mandi in Africa , stiamo aspettando te,cuore di leone....
 
 
#5 lionheart73 2010-07-30 00:50
che vergogna, Antonicelli è stato sempre****almeno Beradi se ha lottato e se lotta è per una giusta causa, non per *** Romagno, non sono nè di destra, nè di sinistra, ma la politica a Rutigliano è una cosa vergognosa. Nessuno sinora è riuscito a portare sù Rutigliano, pietra biliare della Puglia nonostante abbia un tesoro inesplorato e che tutti i politici che ci sono stati sinora hanno solo pensato ad altro. Rutigliano non vive solo di uva, ma di tanto altro, non pensiamo solo alla campagna, perchè i viticoltori, anche se l'uva la venderanno a peso d'oro, piangeranno sempre, li vedi sempre la mentarsi e dopo ti vedi costruire i palazzi," chiagnn e futtn" "piangono e fottono" per chi non l'avesse capito"
 
 
#4 libero_n 2010-07-29 16:57
...Per chi ha vissuto le comunali a Rutigliano...sa benissimo che la sconfitta di Berardi e la fuga di Romagno a Destra è stata proprio colpa del caro Antonicelli (e di altri due suoi ex amici di merende). Ora mette su un altro soggetto politico e anche da coordinatore?? se si impegna come ha fatto per Berardi...diventa Presidente della Repubblica!!!!
Auguri
 
 
#3 mazzinga 2010-07-29 15:44
certo, protagonisti di un grande flop!
dopo la batosta elettorale a tutti loro farebbe bene una lunga, lunghissima sosta ai box.
 
 
#2 Kowalski 2010-07-29 15:36
Tutto va bene, l'importante è:
essere protagonisti!

Di cosa, non si sa, ma l'importante è:
essere protagonisti.
 
 
#1 uporn 2010-07-29 14:26
Citazione:
Vito Antonicelli, coordinatore provinciale di IO SUD.
e fin quì può andare, voglio dire non scandalizza più il trasformismo di alcuni soggetti politici, ma
Citazione:
La radice comune è la destra, ovvero militanza nel MSI e successivo impegno con AN
mi sembra troppo. non ea un cattolico democristiano vicino al centro sinistra? appoggiva Berardi no?
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI