L'appello di Oronzo Valentini: "Basta guerre civili. Romagno si rimetta in gioco"

oronzo valentini milillo

"Il sindaco si rimetta in gioco come tutti noi"

Giovedì 20 febbraio Lanfranco Di Gioia apre il tavolo. Romagno è stato inviatato. Parteciperà?

 

Il consigliere di maggioranza Oronzo Valentini (Ncd) lancia un appello dalle nostre colonne, anticipando così i contenuti di un’intervista che sarà in edicola su La Voce del Paese.

Non a caso, l’appello giunge a poche ore dall’incontro dibattito dell’ex sindaco Lafranco Di Gioia (giovedì 20 febbraio, ore 18.30, sala Mons. Di Donna), che dovrebbe aprire un tavolo politico per definire un programma per Rutigliano 2014-2019.

“È necessario promuovere una pacificazione a Rutigliano, che ci veda tutti nuovamente concentrati sui problemi della città e non su guerre personali inutili e dannose  – chiarisce Valentini – Qualche attore politico ha interesse solo ad alzare muri per dividere e governare la propria metà campo, noi pensiamo che sia arrivato il tempo di riunire tutte le persone di buona volontà che vogliano dare un contributo per il bene dei Rutiglianesi ”.

oronzo valentini romagno colamussi“Spero che al tavolo partecipi anche il sindaco” – fa sapere Valentini.  “Roberto – spiega Valentini – può ancora rivendicare un ruolo importante per il futuro del nostro paese. Roberto potrebbe ancora essere il migliore candidato sindaco, a condizione che si rimetta in gioco come tutti noi. In questi cinque anni noi non abbiamo mai determinato spaccature, abbiamo dato tanti consigli al sindaco, spesso rimasti lettera morta e abbiamo mosso le nostre critiche apertamente in Consiglio Comunale, fedeli al mandato conferitoci nel 2009 dai Rutiglianesi. Ho apprezzato ed ammirato la dignità umana e istituzionale con cui Roberto ha affrontato gli attacchi personali. Ma dobbiamo uscire una volta per tutte da questo clima di guerra civile che ha bloccato il paese. Bisogna promuovere il confronto e non lo scontro a prescindere, discutere prima dei contenuti del programma e poi decidere come scegliere gli attori protagonisti, a partire dal Sindaco”.