Venerdì 24 Settembre 2021
   
Text Size

DERBY DELL’UVA: INCUBO GRANATA

rinascita

Noicattaro Calcio – Rinascita Rutiglianese 3-0

Se Alfred Hitchcock avesse voluto realizzare un film horror per i tifosi rutiglianesi, probabilmente rappresentando il “derby dell’uva”, match clou della ventitreesima giornata del girone A del campionato di Promozione pugliese, ci sarebbe andato molto vicino.

La partita, nell’inedito orario delle 18:00 è stata un’assoluta disfatta per i tifosi granata, giunti in massa al Comunale di Noicattaro, cui però va il merito di aver continuato sempre a cantare e ad incitare i propri giocatori, sebbene avessero svariati motivi per continuare a lamentarsi.

Continua, infatti la crisi di gioco della Rinascita reduce da due 0 a 0 consecutivi e che manifesta una grave sterilità in fase offensiva (3 partite senza segnare). Il primo tempo, dopo un minuto di silenzio in memoria dei 4 ragazzi nojani scomparsi negli ultimi giorni, è un assoluto monologo nojano (in maglia bianca): il Rutigliano, con Tanzi in porta, difesa con Sigrisi e Gentile sugli esterni, Vox e D’Ursi centrali, un centrocampo a 4 con Natrella, Barbati, Fasciano e D’Addiego e la coppia d’attacco Tenzone e Chiodo è battuto per la prima volta già al decimo minuto. Con una discesa travolgente sulla sinistra, Lanave serve un pallone al bacio per Anelli che anticipa tutti ed è il primo gol del Noicattaro. Noicattaro, che si ripete sei minuti dopo, con un colpo di testa di Fazio su corner battuto dal solito Lanave, l’unico giocatore della rosa del Noicattaro a far parte della rosa del Noicattaro Calcio già negli anni della C2.

Ma l’agonia dei tifosi granata non finisce, perché al ventiduesimo Ferri insacca, con qualche colpa da parte del portiere rutiglianese Tanzi. Tutta la curva si attende una risposta rutiglianese, ma è un’attesa vana.

A parte qualche lancio dei centrali, il Rutigliano è completamente inesistente e gli 0 tiri in porta la dicono lunga. A tutto ciò si va ad aggiungere la facilità con cui gli assistenti dell’ arbitro il signor Carrer, Ieva e Antonacci, fischiano il fuorigioco ad ogni spunto pericoloso del Rutigliano. Il tecnico Porzia, la cui posizione non è esente da colpe (e i tanti cori contro, cantati da una curva che chiede l’esonero lo dimostrano) prova a cambiare un po’ le carte in tavola con gli innesti dell’idolo dei tifosi Summaria e Luceri, al posto di uno spento Natrella e dell’infortunato Tenzone, ma fino alla fine del primo tempo, a parte l’ammonizione di Sigrisi non c’è nulla da segnalare.

Il secondo tempo inizia con un Rutigliano certamente migliore, ma che fa poco e niente per segnare il gol della bandiera. Il gioco del Rutigliano è assolutamente inesistente, perché spazzare la palla avanti e aspettare qualche spunto offensivo non è definibile gioco, soprattutto se i centrali avversari non lasciano spazi. Qualche spunto rutiglianese è affidato a Ezio Summaria, lasciato però troppo solo all’arrembaggio della difesa nojana ed infatti, a parte qualche pericolo nato da calci piazzati il Rutigliano non fa praticamente niente, pur mantenendo il possesso palla.

La disfatta rutiglianese poteva avere un passivo ancora peggiore se al 32’, il capitano nojano Anelli, già autore del primo gol, non si facesse parare il rigore del possibile 4-0 da un Tanzi superlativo in quest’occasione, che riscatta così una prestazione incerta. Per contro, nel rovesciamento di fronte è il Rutigliano a beneficiare di un calcio di rigore, dopo l’atterramento di Summaria in area di rigore a seguito di un bello slalom. Ma siccome questa più che una partita, è stato un film dell’orrore, un incubo, Summaria si fa ipnotizzare dal portiere nojano e il match finisce 3 a 0, con un Noicattaro che non ha rubato niente a livello di risultati, che ha avuto più voglia di vincere e che adesso supera proprio il Rutigliano in classifica al sesto posto con 39 punti.

Per il Rutigliano, più che sperare in un pronto riscatto fra le mura amiche domenica 20 febbraio contro l’Ascoli Satriano, resta l’orgoglio per aver fatto tornare la gente allo stadio, per aver cantato col cuore per 90 minuti sebbene da cantare e stare felici non ci sia molto.

I risultati della 23a Giornata

R.Altamura-San Severo 1-1

Casamassima - R.Barletta 2-1

S. Molfetta-Corato 0-4

Minervino-Torremaggiore 0-0

Polignano-Canosa 0-0

Santeramo-Mola 1-1

N.Andria-L. Bitonto 1-1

Ascoli S.-M.Molfetta 1-1

 

LA CLASSIFICA

Corato 52

 

Canosa 45

L.Bitonto 44

R.Altamura 43

San Severo 42

Noicattaro 39

Rutigliano 38

Casamassima 38

Torremaggiore 37

N.Andria  31

Ascoli S. 30

Mola  29

Polignano 29

R.Barletta 22

Minervino 18

Santeramo 17

M.Molfetta 11

S.Molfetta 3

Commenti  

 
#7 VIDEO SINTESI GARA 2011-02-16 13:39
http://[censored]youtube.com/watch?v=erEZxYTpjtw
 
 
#6 Nicola R. 2011-02-15 17:47
Stavate aspettando una sconfitta a Noicattaro per publicare un articolo sulla Rinascita Rutiglianese!? è una realtà che merita una considerazione maggiore. Spero sia così da ora in avanti. Complimenti alla redazione. Ciao!
 
 
#5 ex portiere noja 2011-02-14 22:34
***.....1 il portiere del rutigliano nn poteva fare nnt ne' sui primi 2 goal xke' sono stati errori della difesa evidenti!!e nemmeno sul terzo in quanto aveva la visuale coperta dai 2 difensori e la girata a volo di Ferri l'ha vista solo quando il pallone era gia' prossimo ad entrare in rete.2 nel secondo tempo ha salvato la rutiglianese dal 5 a 0!!!sul tiro di Lanave che era destinato all'incrocio e sul rigore di Nasca ben tirato(Al contrario del pessimo rigore calciato dall'attaccante granata)L'unica colpa che gli si puo' dare è quella di non essere stato in grado di svegliare i suoi difensori....***.....
 
 
#4 Ultras 1996 2011-02-14 19:56
Complimenti a chi ha scritto l'articolo e a chi è tornato allo stadio, seppur in trasferta, a tifare Rutigliano. Mi è sembrato d'assistere ai famosi derby degli anni addietro (mancava qualche altro tifoso), grande giornata di sport con tifosi rispettosi e bella accoglienza da parte degli ospiti. Peccato che qualche addetto ai lavori, non ha capito l'importanza della gara o non può giocare davanti a circa 1000 spettatori. Mi auguro che la società prenda provvedimenti nei confronti di chi ha causato questa grande delusione a tutti gli sportivi rutiglianesei. Perdere si può, ma con onore. Forza Rutigliano
 
 
#3 Sono andato a noja 2011-02-14 16:46
A salvarsi sono stati solo i tifosi !
 
 
#2 tifoso 2011-02-14 14:33
Che vergogna!
 
 
#1 Tifoso F.L 2011-02-14 10:22
Pieroo sei un grande bell'articolo se vuoi qualche aiuto chiedi a rinascita rutioanese su facebook
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI