Venerdì 17 Settembre 2021
   
Text Size

ITC - LICEO… PER I MIRACOLI CI STIAMO ATTREZZANDO…

La_festa

ITC “E. Montale” – Liceo Scientifico “I. Alpi” 3-6 d.c.r. (2-2)

Calci_di_rigore

Con la musica di Händel risuonata dagli altoparlanti del comunale probabilmente qualcuno avrebbe potuto scambiarla con una partita di Champions League eccezionalmente in mattinata. Pubblico delle grandissime occasioni, due tifoserie stacanoviste nel cantare, e partita maschia con calci che volavano a destra e sinistra, e accenni di rissa ad ogni fischio arbitrale. Il liceo Scientifico fa sognare la tribuna ma alla fine cede dopo i calci di rigore. L’inizio è fantasmagorico: il Liceo, schierato da mister Palumbo con un 4-4-2 con il giovane Lattaruli in porta, difesa a quattro con Massaro sulla corsia di sinistra, Giuseppe Petruzzi sulla sinistra, e la coppia di centrali Dipinto – Linsalata (subentrato all’ultimo momento al posto di Ardito), centrocampo con Massimiliano Petruzzi e Lamparelli esterni, la mediana di scuola Pro Gioventù Noicattaro col capitano Loschiavone e Gassi, e coppia d’attacco De Palma - Lorusso, colpisce alla prima azione con Loschiavone (il migliore in campo), che partendo dalla mediana scarta due uomini, scambia con De Palma che chiude l’1-2 con un colpo di tacco, e il diciannovenne nojano insacca da fuori area con un destro su cui il portiere nulla può: è l’1-0 con una azione che pareva essere stata diretta da Riccardo Muti.
L’ITC, però, schierata da Mister Mimmo Petruzzi con un 4-5-1 con Nuzzo in porta, difesa con (da destra verso sinistra) Laudadio, Arapi, Valente e Pesce, centrocampo con Vegliante Lamorgese (il capitano) e Lika nel mezzo, ed esterni offensivi Saponaro e Rotolo, a sostegno dell’unica punta Urbano, non ci sta a perdere, ed un minuto dopo approfittando di un retropassaggio sgangherato di Massaro e di un’incertezza di Linsalata, ottiene un dubbio rigore per fallo del portiere sull’uscita, che Lika prontamente trasforma per l’1-1. Il clima già inizia ad infiammarsi, dopo un accenno di rissa per un rigore prima assegnato ed in seguito negato al Liceo, l’ITC trova il gol del vantaggio: è Valente a siglarlo con un campanile da 40 metri, che beffa il giovane Lattaruli per il 2 a 1 della ragioneria.

 

La_partita_vista_dal_campo

Lo strapotere fisico dell’ITC continua a farsi sentire, e i ragazzi di mister Petruzzi continuano a macinare gioco, creando occasioni a fiotti non dimostrando però cinismo sottoporta: al 12’ è grande Dipinto a salvare sulla linea dopo una travolgente discesa di Saponaro, incubo di un Massaro in affanno (sostituito all’intervallo da Soccio) mentre al 15’ la sorte salva i liceali facendo terminare il cucchiaio del capitano Lamorgese di pochissimo alto. In seguito alle fiammate iniziali, i ritmi calano, dunque meno calcio mentre i calci non mancano mai, così come le risse. Le squadre ci provano coi piazzati ma sono tentativi velleitari, come la punizione da 30 metri di Pesce al 28’.
Sul finire di primo tempio, un Petruzzi M. poco cercato riesce a bucare la fascia sinistra dell’ITC ma De Palma non raccoglie l’invito. Il secondo tempo si apre con molti cambi per il Liceo (oltre al sopracitato Massaro per Soccio, entrano il portiere Limitone per Lattaruli, e Colamussi per un abulico Lamparelli) e tanta fortuna: il bellissimo tentativo al volo di Lika al 5’, infatti, si spegne sulla traversa. Ma, come spesso si dice, gol mancato gol subito, e due minuti dopo è ancora uno straripante Loschiavone a sbrogliare la matassa dopo un’azione concitata e ad infilare Nuzzo per la seconda volta di sinistro.

 

Al 16’ però, si apre la nota dolente di giornata: dopo una serie di falli al limite del regolamento, la partita viene sospesa per 7 minuti, con l’ingresso in campo di tutte le panchine più accompagnatori, difficile stabilire le cause, certo è che i più attivi sono un nervosissimo Lika per l’ITC e il capitano Loschiavone, sempre protagonista nel bene o nel male, per il Liceo. Cambi per entrambi le squadre, Maggiorano per Lorusso, Valenzano per Arapi e Sebastiani per M. Petruzzi: cambiano gli uomini, ma non la sostanza: ITC che spinge per la vittoria ma il Liceo non demorde. Al 25’ l’occasione più ghiotta per l’ITC, prima  con un salvataggio della linea di G. Petruzzi, che dopo un avvio in confusione, è riuscito a risollevarsi nella seconda metà di gara, e poi con una grandissima parata di Limitone su tentativo da posizione ravvicinata.

LITC_vincitrice

L’ultima occasione, prima del fischio finale è per Colamussi, che prima dà sfoggio di tenacia e scatto, soffia via il pallone a Laudadio e si invola verso la porta da posizione molto defilata, mette in mezzo un pallone che poteva essere spinto dentro anche solo con una folata di vento, ma in area dell’ITC solo il vento riesce a passare. Si va ai calci di rigore. Per l’ITC parte il capitano Lamorgese, che nell’ultima apparizione con la maglia dell’Eugenio Montale, realizza un rigore alla Del Piero, rincorsa lenta, palla angolata e la calma del grande campione.

 

Realizza il rigore anche il Liceo, con Giuseppe Petruzzi, che nonostante la pressione e nonostante le teorie che dicono che i mancini sono pessimi rigoristi, insacca nello stesso angolo del precedente 1-1. Tocca a Saponaro, che calcia di potenza per il 2-1. Arriva però il primo errore del Liceo, il pallone calciato da Sebastiani si scaglia sulla traversa per il vantaggio del commerciale. Sul dischetto per l’ITC, ci va un Rotolo che si è visto poco durante il match: non importa, lo si vede adesso. Rigore centrale, e 3-1. Grande pressione su Gassi, che però ha un po’ tradito le attese della vigilia, con un pessimo primo tempo.

Mister_Mimmo_Petruzzi

Non riesce a ribaltare la sua gara per: il suo angolatissimo rigore, dopo aver spiazzato il portiere va a sbattere sulla base del palo. E’ l’inizio dell’apoteosi dell’ ITC, rigore decisivo di Lika, che ancora una volta dimostra grande personalità nonostante la poca tenuta mentale. L’ITC mette in bacheca il suo secondo trofeo consecutivo, e pareggia i conti nel numero dei trofei: è 2 a 2. La battaglia sugli spalti finisce in sostanziale parità, ma va detto che lo striscione più bello, è dell’ITC, che facendo leva sul passato da supermercato della struttura dell’Ilaria Alpi recita “Reparto Dolci, Banco Salumi, Cambiano i tempi ma non i costumi”.

P.s. Grazie a Michele Del Core per la gentile concessione delle fotografie.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI